Cose Che Ho Finito · Opinioni Opinabili

Cose Che Ho Finito #3 – Luglio 2017

Siamo entrati in quella fase dell’estate in cui anche solo mettere la crema viso mi fa sudare il triplo rispetto al normale, ma nonostante questo continuo imperterrita con la mia skincare routine, per evitare di lasciare allo sbando questa pelle temprata da sbalzi ormonali e caldo asfissiante.
I prodotti finiti anche questo mese non vedono neanche l’ombra di  prodotti make up perché mi sono truccata 2 volte in questo torrido Luglio, e mi sa che continueremo così fino a fine settembre, cosa che mi fa svalvolare più di quanto vorrei; truccarmi è una cosa che mi piace fare e che mi fa sentire meglio, non poterlo fare perché fa caldo mi rende una pazza iraconda. SIGH.

Continua a leggere “Cose Che Ho Finito #3 – Luglio 2017”

Cose Fighe · Opinioni Opinabili

Cosa ho preso della collezione Freedomination di Nabla (swatches e impressioni)

Il 12 Luglio 2017, dopo mesi di sneak peek, è finalmente uscita la collezione estiva di Nabla Cosmetics, la Freedomination. Aspettavo con ansia diversi prodotti nonostante io non mi trucchi da giorni e giorni, e non vedo l’ora di poter utilizzare tutto quello che ho comprato. Ottobre ti aspetto ♥
Il giorno del lancio, tra l’altro, io sono partita per 3 giorni di mare e relax, e mi sono ritrovata a piazzare l’ordine alle 5:45 del mattino prima di imbarcarmi sul traghetto, raggiungendo così livelli di pazzia che non mi aspettavo di avere (no, in realtà sapevo benissimo di essere pazza).
Continua a leggere “Cosa ho preso della collezione Freedomination di Nabla (swatches e impressioni)”

Cose Che Ho Finito · Opinioni Opinabili

Cose Che Ho Finito #2 – Giugno 2017



Anche Giugno è finito ed io SONO PIENA MARIA GIOVANNA, ma sarò buona e questa volta non mi lamenterò che fa un caldo bestia, anche perché abbiamo avuto due giorni in cui finalmente sono tornata a respirare.
Parlerò invece dei miei prodotti finiti di questo mese, di cui come era prevedibile non ce ne è neanche uno di trucco, perché questo mese mi sarò truccata sì e no 5 volte (quasi sicuramente meno).

Continua a leggere “Cose Che Ho Finito #2 – Giugno 2017”

Cose Fighe

La mia wishlist per quando smetterò di liquefarmi

Non mi ricordo più cosa vuol dire avere una pelle asciutta, i miei capelli avranno per sempre il segno dell’elastico, i peli sono in crescita libera tant’è che potrei benissimo vivere assieme ai macachi e nessuno se ne accorgerebbe (macachi compresi), e non ho il coraggio di controllare i miei rossetti per vedere se qualcuno nel frattempo si sia sciolto in una pozza colorata ed oleosa.
Sarebbe interessante discutere con il vecchio Donald riguardo il riscaldamento globale, forse gli basterebbe una settimana (ma che dico, due giorni) in un appartamento sotto terrazzo senza condizionatori per chiedere scusa all’accordo di Parigi sul clima in ginocchio sui ceci. Ma sorvoliamo.

In attesa di Ottobre, quando forse avrò recuperato le sinapsi perse sotto il sole a picco, sogno i trucchi che farei e i prodotti che vorrei, che non mi azzardo a comprare perché tanto non li userei e anzi rischierei la loro liquefazione.

Un illuminante opaco, probabilmente il Prep+Prime Highlighter di MAC

Amo gli illuminanti che fanno un po’ quell’effetto da discoball o, nei casi più esagerati, stile Uomo di Latta del Mago di Oz, ma mi rendo conto che un’illuminante meno vistoso sia una mancanza che inizio a sentire quando mi trucco. La prima scelta è il Prep+Prime Highlighter di MAC, che mi sembra anche piuttosto comodo essendo in formato penna.

Una palette colorata, magari opaca o leggermente satinata



Questa è una frase che non pensavo mai di dire, eppure qualche colore lo vorrei! Trovo che usare gli ombretti colorati sia qualcosa da fare con parsimonia se non si sa come gestirli, perché un errore fatto con un colore è decisamente più visibile che con un colore neutro. Mi piacciono un sacco i make up neutri con dei tocchi di colore deciso, soprattutto lungo la rima inferiore. Ecco, se la Electric di Urban Decay costasse la metà potrei farci addirittura un pensierino, ma è decisamente fuori budget; la 35C di Morphe Brushes è veramente troppo grande invece. Forse l’unica soluzione per me è scegliere qualche ombretto singolo e comporre da sola una piccola palette.

Liquid Aura di Urban Decay


Dal momento che finora non c’è stato un solo prodotto di Urban Decay che mi abbia delusa, sarei molto curiosa di provare il Liquid Aura, un fluido illuminante da miscelare al fondotinta per renderlo più luminoso (you don’t say!). Poi magari si rivela essere una stronzata, chissà, ma la carne è debole.

La nuova Liberty Four, l’ombretto Eresia e rossetto Bohème di Nabla Cosmetics

Sto documentando tutti gli sneak peek della nuova collezione Nabla Cosmetics, in uscita a Luglio, sulla mia pagina facebook, e per ora mi sono innamorata sia della Liberty Four, che trovo sia una new entry molto interessante, dell’ombretto Eresia (un viola opaco! EVVIVA!) e del rossetto Bohème, un malva desaturato perfetto per un look Laura Palmer. Sono curiosa di vedere tutta la collezione però, perché temo ci siano altri prodotti che voglio.

Qualche pennello Zoeva per il viso

Sono riuscita, col tempo, a crearmi un set abbastanza completo di pennelli di buona qualità, fondamentali per la riuscita di un buon trucco. Un po’ per il costo, solitamente maggiore rispetto ai pennelli occhi, un po’ perché ancora devo capire quali siano le mie esigenze, ho un solo pennello viso Zoeva e me ne piacerebbe prendere almeno altri due, di cui uno per il blush e uno per la cipria. Sono ancora un po’ indecisa, ma ora che Zoeva è anche sul sito di Sephora, sono sicura che approfitterò di qualche sconto per prenderne almeno uno. In particolare, ho messo gli occhi addosso al 101 Luxe Face Definer.

Abbiamo qualche prodotto dei desideri in comune? ❤︎

Opinioni Opinabili

Prodotti Preferiti del Mese

Decidere di parlare dei miei prodotti preferiti in un mese in cui ho smesso praticamente di truccarmi non è esattamente l’idea del secolo, ma mi sono resa conto che le rare volte in cui decido di fare uno sforzo (col ventilatore puntato addosso sperando di non iniziare a sudare due secondi dopo aver fatto la base) uso sempre le solite cose con cui mi sto trovando bene.

Sto vivendo piuttosto male questa cosa di non riuscirmi a truccare perché non sopporto nulla addosso, senza contare che nessuna stagione mi fa sentire così tremendamente racchia come l’estate; struccata, capelli legati per evitare il colpo di calore, sudore e perenne sensazione di sporco, peli che crescono alla velocità della luce… L’estate in città è la prova che un Dio esiste e ci vuole morti.

Ok, la smetto, iniziamo a parlare di trucchi che è meglio, appena inizio a parlare di quanto odio l’estate divento ancora più isterica e potrei andare avanti per ore.

Non mi dilungherò sull’Alchemist Holographic Palette di cui ho già ampiamente parlato nell’ultimo post; è un prodotto che uso praticamente sempre.

Naked Skin One&Done in Light di Urban Decay
Ho resistito per un po’ (circa un anno!) ma alla fine ho ceduto anche io al Naked Skin One&Done; è un prodotto che probabilmente non avrei preso in considerazione se fosse stato di un altro marchio, ma dal momento che adoro i fondi di Urban Decay ho deciso di prenderlo. Non è esattamente un fondotinta ma non lo definisco neanche una BB Cream, anche se si avvicina di più a quest’ultima categoria.
La coprenza è ovviamente leggera ma mi piace tanto come uniforma la pelle, non è opaco e non unge, ha SPF 20 e su di me dura tranquillamente tutto il giorno, una volta fissato.
Credevo che un prodotto così “ibrido” non mi sarebbe piaciuto, invece lo trovo davvero molto utile quando decido di truccarmi in quei giorni in cui non c’è potere sulla Terra che mi convinca a mettere il fondotinta.

Next To Nothing Powder in Light di MAC Cosmetics
La mia prima cipria MAC! Quando sono usciti i due nuovi prodotti Next To Nothing (cipria e fluido) sapevo che probabilmente avrei evitato di prendere il fluido, nonostante mi sembri un prodotto davvero interessante, ma che la cipria mi avrebbe incuriosito al punto di comprarla; ho fatto bene!
Usata su fondi più importanti (tipo l’All Nighter di Urban Decay) ho notato che mi altera un pochino il colore, mentre con il Naked Skin One&Done va alla grande. È una cipria setosa, morbida, che fissa bene senza appesantire.



Pro Longwear Fluidline in Blacktrack di MAC Cosmetics

È grazie al Blacktrack se posso permettermi di continuare a uscire con le rime degli occhi belle intense senza che si sia sciolto tutto dopo mezz’ora. Senza rime scure (infracigliare, bordatura, rime interne, rima inferiore esterna) faccio davvero prima a non truccarmi perché non sono una di quelle (rare) persone che vengono risaltate dal poco contrasto, quindi anche d’estate non posso farne a meno. Il Blacktrack usato nella rima interna per fissare la matita nera e per l’infracigliare mi assicura un bel po’ di ore senza sembrare un panda.

Kate Moss 08 di Rimmel
Anche dei rossetti Rimmel Kate Moss ne ho già parlato, e tra questi lo 08 rimane il mio preferito, tant’è che è quasi finito. Con le basi leggere non riesco a portare con dinsinvoltura rossetti più carichi, perché trovo che possano accentuare facilmente eventuali difetti e discromie, quindi ho ripescato un rossetto che sia tranquillo ma non banale, che sia lucido ma non glossato, che duri abbastanza ma che sia facile da riapplicare. Lo abbino alla matita Soar di MAC che è la sua compagna naturale e assieme li considero un po’ un my lips but better. Lo 08 è un nude desaturato, con del rosa malva al suo interno, ed è il genere di colore che faccio fatica a descrivere.

Lip Pencil Soar di MAC Cosmetics
È una delle mie matite preferite, la più versatile per i nude rosati in mio possesso. La adoro anche da sola!


(Foto fatta col cellulare dalla discutibile qualità, ma l’unica decente è dove indosso i prodotti menzionati!)

Voi siete tra le temerarie che si truccano quando fuori l’asfalto si scioglie? ♥