Dupes · Opinioni Opinabili

Kat Von D è un’antivaccinista: e adesso cosa compro?

Avere la possibilità di riversare sui social qualsiasi scoreggia mentale produca la nostra mente è un’arma a doppio taglio.
Così come scopriamo con facilità che quel figo che l’altro giorno al baretto ci sembrava simpaticissimo tra uno spritz e l’altro in realtà su facebook condivide post di fake news commentandoli con “roba da matti……….” (spoiler: puntini di sospensione never lie), così si palesa anche una variegata propensione all’essere teste di cazzo da parte di personaggi famosi che un tempo apprezzavamo e supportavamo.

Ecco, ieri è successo a Kat Von D: mi piace parecchio la sua linea di make up, mentre lei come personaggio ha sempre suscitato in me sentimenti contrastanti; sentimenti contrastanti che si sono trasformati in sentimenti ben precisi di orrore quando ha annunciato pubblicamente che non vaccinerà suo figlio.
A me frega poco che sia vegana (scelta che rispetto), che partorisca in casa (scelta che rispetto), ma non riesco ad accettare che una persona che si definisce “well educated” su certe questioni e che, soprattutto, sia seguita da milioni di persone, possa mandare un messaggio del genere, il tutto con toni da povera anima perseguitata che poco si addicono ad un’imprenditrice milionaria. E poi devo dirlo: animal rights, cruelty-free e tutto il resto è molto bello e appassionante, ma a casa lei ha 3 gatti sphynx, che non sono certamente creature salvate dalla strada ma acquistate tramite allevatori. Nel caso in cui li abbia trovati abbandonati per le strade di Los Angeles sono pronta a scusarmi, ma dubito che qualcuno abbandoni un gatto dal valore di un migliaio di dollari. Just saying.
Per fortuna tra i commenti al suo post ci sono anche voci della ragione, ma la verità è che viviamo in tempi bui.

Va da sé che eviterò di comprare prodotti Kat Von D Beauty in futuro, consapevole di essere solo una goccia nell’oceano.
Personalmente, più che il prodotto in sé, amo follemente il packaging del marchio, quindi sarà facile farmene una ragione e rinunciarci.
Ma ci sono alternative a questi prodotti? Ovviamente sì. Parlerò solo di cose che ho provato in prima persona, salvo diversa segnalazione. Tutti i prodotti che menzionerò sono vegan, ad eccezione dei Cream Lip Stain di Sephora di cui non ho la certezza (ovviamente se siete vegan controllate sempre e non fidatevi della mia parola).

☽ CIPRIA, FONDOTINTA, CORRETTORI ☾
Per questa categoria siamo fortunati: i fondi e i correttori della linea Lock-It non li ho proprio acquistati perché sono dei pastoni senza senso, con un buon range di colorazioni ma non unici; quindi si trovano facilmente alternative quasi ovunque.
La cipria Lock-It l’ho presa in minisize, e per fortuna non ho fatto la follia di prenderla in full size: mi attraeva molto ma mi ingrigisce tantissimo e mi rende una bella mummia. AMAZING!

☽ ROSSETTI E ROSSETTI LIQUIDI ☾
Ho solo un rossetto Studded Kiss della vecchia versione, nella colorazione Wolvesmouth; molto bello il colore, texture mediocre. La linea è stata completamente rivista e pare ne sia stata migliorata la formulazione, ma non lo saprò mai. Le colorazioni sono sia tradizionali che particolari, ma il mercato è talmente saturo di colori pazzi che ormai li trovate in parecchi brand diversi, come ad esempio NYX.
Di Everlasting Liquid Lipstick ne ho avuti diversi, e la qualità è in generale molto buona, ma ci sono colorazioni molto disomogenee che rendono male sulle labbra (tipo Exorcism). Ci sono tantissime colorazioni particolari, alcune davvero molto belle, ma ormai anche la linea Sephora di Cream Lip Stain si è ampliata a dismisura, e la qualità è molto alta (per la metà del prezzo).
I Glimmer Veil li ho solo provati in negozio, sembrano molto belli ma è il genere di prodotto che non uso.

☽ CONTOURING E ILLUMINANTI ☾
La palette viso Shade+Light Contour non la conosco personalmente, ma ormai si trovano palette da contour (che io continuo a trovare INUTILI per una persona normale) anche al banco salumi.

Per quanto riguarda gli illuminanti, la palette Alchemist continuo a trovarla una meraviglia, ma è anche vero che ci sono moltissimi marchi che hanno prodotti davvero simili (Becca, Anastasia Beverly Hills appena arrivata da Sephora Italia, ecc).
Ho poi preso anche il Metal Crush Extreme Highlighter uscito in edizione limitata per l’anniversario del brand, più per collezionismo che per reale bisogno; il colore è molto particolare ma ahimé è davvero un’esplosione di brillantini e glitter piuttosto grossi. Probabilmente proverò a rivenderlo.

☽ OMBRETTI E PALETTE DI OMBRETTI ☾
Tasto dolente, dolentissimo!
Ho solo un ombretto singolo, il Metal Crush nella colorazione Raw Power che mi sta malone ma ha una qualità pazzesca.
Ma quello a cui farò davvero fatica a rinunciare è la Shade+Light Eye, comprata da poco e già usata tantissimo nonostante sia in possesso di altre palette di neutri opachi. Ad oggi non ci sono palette precomposte così complete con questo tipo di qualità, ma per fortuna il mercato è molto vasto e di sicuro non rimaniamo senza i nostri amati colori opachi.

☽ PRODOTTI PER SOPRACCIGLIA ☾
Non ho idea di come sia il 24-Hour Super Brow Gel perché non necessito di prodotti in gel, e ancora mi sfugge il senso del Brow Struck, che è una polvere per sopracciglia COI BRILLANTINI.
Ho però comprato la matita automatica per sopracciglia Signature Brow che mi piace molto, ma la trovo facilmente sostituibile; mi ricorda infatti, anche per come è fatto lo scovolino, le Brow Divine di Nabla Cosmetics con cui mi trovo benissimo. E adesso che è arrivata Anastasia Beverly Hills anche in Italia abbiamo un’ulteriore alternativa per le nostre sopracciglia.

☽ EYELINER ☾
E infine eccoci giunti al prodotto che più mi farà soffrire quando finirà e rinuncerò a comprarne uno nuovo: il famosissimo Tattoo Liner, un eyeliner in penna con le setole sottili, preciso e a lunga tenuta.
L’ho preso per la prima volta negli US a Novembre 2015, finito e ricomprato poi in Italia da Sephora, rimane un must have.
Cercavo comunque un’alternativa al Tattoo Liner per una questione di prezzo, così ho preso il famoso Epic Ink Liner di NYX. Anche l’Epic Ink Liner è preciso e lo trovo anche più intenso del Tattoo Liner, tuttavia sulla mia palpebra si spande leggermente in alcuni punti; niente di tragico, ma è un dettaglio che non me lo fa apprezzare al 100%. (al 90% sì però!)

Quindi, coraggio.
Se anche voi non volete supportare più Kat Von D, spero che questo post possa esservi d’aiuto a cercare il prodotto più adatto alle vostre esigenze. ❤︎

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...